top of page
  • Immagine del redattorewix test

Torneo di Livorno, un primo posto sfumato all'ultimo. Intervista a Maurizio Puccetti.

Dopo aver conseguito ben 6 vittorie consecutive, Maurizio Puccetti & Valerio Lupi, si giocano la vittoria finale del Gruppo 1 di Livorno contro gli ancora imbattuti Alessio Del Tongo & Daniele Innocenti, in una partita che appare come una finale. Vincono i secondi in due set, costringendo cosi' Maurizio & Valerio al secondo posto.

Dopo l’intervista di Lorenzo Angelelli, abbiamo deciso di proseguire nel voler conoscervi più da vicino. Questa volta, è stato il turno di Maurizio Puccetti che in coppia con il compagno Valerio Lupi ha raggiunto il secondo posto nell’edizione di Livorno di Italian Padel League.


Da destra a sinistra: Valerio Lupi, Maurizio Puccetti


CIAO MAURIZIO, COME E' NATA LA TUA PASSIONE PER IL PADEL?

La mia passione è nata casualmente, circa tre anni fa, quando al circolo dove abitualmente gioco a tennis hanno costruito tre campi da Padel. Non è stato amore a prima vista, inizialmente non mi piaceva neanche, però poi, giocando con persone che sanno giocare a questo sport, ho iniziato a divertirmi ed avvicinarmi sempre di più. Dico questo perché solitamente molti tennisti giocano a tennis nel campo da Padel ed è meno divertente. Per di più, 11 anni fa ho avuto problemi alla spalla che mi hanno costretto ad allontanarmi per un po’ di tempo dal tennis. Questo ha fatto si che mi tenessi impegnato attraverso il Padel, il quale mi ha permesso di divertirmi senza la necessità di usare la mia spalla come nel tennis.


HAI UN COMPAGNO FISSO? QUAL È IL VOSTRO PUNTO DI FORZA?

Con il circolo in cui gioco a Livorno, abbiamo creato una squadra per competere a livello provinciale ed è proprio qui che ho avuto modo di iniziare a giocare con Valerio, con cui ho giocato il torneo a Livorno. A lui piace giocare a destra, anche se secondo me giocherebbe molto bene anche a sinistra perché fa lo smasch molto bene, però io gli lascio libera scelta e mi adatto. Il nostro punto di forza sta nel fatto che come squadra ci completiamo. Io sono più difensivo, cerco di piazzare la palla facendola prima rimbalzare usando molto la sponda, mentre lui è molto più aggressivo, gioca più verso la rete e conclude il punto.


COME SEI VENUTO A CONOSCENZA DI ITALIAN PADEL LEAGUE? HAI MANTENUTO CONTATTI CON ALCUNI GIOCATORI?

Ne sono venuto a conoscenza tramite Giancarlo Bizzi che nel torneo ha giocato in coppia con Thomas Fontanella, i quali entrambi fanno parte della mia squadra di Padel, con la quale competo a livello regionale. Da subito ho voluto provare perché mi piacciono queste iniziative volte a coloro che vogliono competere a livello amatoriale. Mi piace che mi stimoli a fare meglio, a voler giocare di più, a competere di più e conoscere persone in modo tale che anche nel nostro tempo libero possiamo continuare a divertirci


QUAL È UNA PARTITA CHE RICORDI PIÙ DELLE ALTRE?

La partita che ricordo è l’unica che abbiamo perso all’interno del campionato con tanti punti secchi persi. Determinante è stata una palla break conclusasi con un nastro a loro favore che ha compromesso tutta la partita. Sicuramente però è stata una partita di livello, molto lottata caratterizzata da un po’ di sfortuna.
104 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page